“Noi non abbiamo ereditato il mondo dai nostri padri, ma lo abbiamo avuto in prestito dai nostri figli e a loro dobbiamo restituirlo migliore di come lo abbiamo trovato.”

Robert Baden-Powell

DAMIANO TOMMASI

Perché
mi candido

Sono Damiano Tommasi, e ho deciso di candidarmi perché penso che Verona, la mia Verona, sia piena di energie che oggi sono purtroppo ancora inespresse.

Credo che la mia città abbia un’identità tutta sua, e che adesso sia giunta l’ora di esprimerla: moderna e vivibile, solidale e ottimista. Insomma, immagino una Verona che guardi al futuro con la voglia di essere finalmente protagonista.

Ho deciso di candidarmi perché vorrei mettermi al servizio di Verona. Per costruire, insieme, un domani diverso per la città in cui stanno crescendo i miei sei figli. Da tanti anni ormai lavoro con i bambini e i ragazzi, e so bene che sono loro il nostro vero futuro: si meritano una città diversa, che coltivi le loro aspirazioni e che li aiuti a realizzare i loro sogni.

Credo che per riuscirci dobbiamo lavorare, tutti insieme, alla riscoperta del valore della comunità. A Verona si è da tempo perso il senso dello stare insieme e della condivisione. Mi candido per dare alla mia città una prospettiva diversa: sogno una Verona che rifiuta le divisioni e che lavora unita per il bene comune, per migliorarsi, per unirsi invece che dividersi.

C’è chi direbbe che basta volerlo, che avere questo desiderio sia sufficiente a metterlo in pratica con successo: io penso invece che sia una sfida grande, che ha bisogno del contributo e dell’impegno di tutti i veronesi che condividono questo obiettivo. Per questo penso che serva unire le forze di questa città e creare una vera e propria squadra. Ma una squadra vince solo se è unita, se riesce a condividere le proprie forze e convogliare tutte le proprie energie per un obiettivo comune.

Come? Con una vera e propria Rete!

“Verona ha bisogno di rivelare tutte le potenzialità che in questi anni sono rimaste inespresse.”

Verona che sarà

Le linee guida della Verona che vorremmo realizzare

1

Il mondo non è un’eredità ricevuta dai nostri padri ma un prestito da restituire ai nostri figli: i giovani, il loro presente e il loro futuro sono al centro della nostra visione di città. Ascolteremo le loro esigenze, a partire dai bambini e dalle scuole, e dialogheremo con le famiglie per supportarle nel loro compito più difficile: formare i cittadini e le cittadine di domani. Coinvolgeremo il mondo dell’Università per fare tesoro del prezioso ed indispensabile contributo che può offrire con i suoi tanti talenti e competenze. Valorizzeremo l’arte e la cultura che rendono Verona unica e riconoscibile nel mondo e un motore di sviluppo umano ed economico.

2

Il tema della sostenibilità è trasversale e coinvolge ogni aspetto dell’Amministrazione: dal settore turistico a quello industriale, dalla rigenerazione urbana ai servizi pubblici e alla mobilità. Occuparsi di ambiente significa concentrarsi sul tema dell’energia, dei rifiuti, del verde, ma non solo. È necessario attivare un circolo virtuoso in linea con gli obiettivi europei per la lotta contro il cambiamento climatico. Un circolo virtuoso che non solo rispetta l’ambiente e rende la nostra città più vivibile, ma che genera lavoro, migliora le prospettive di vita, attira investimenti e mira a trasformare Verona in una smart city, attenta a sfruttare al meglio gli strumenti e le possibilità offerte dall’innovazione tecnologica.

3

Rilanciare Verona e migliorare la qualità della vita, del lavoro e dei servizi significa investire nella formazione continua, e valorizzare le competenze dei cittadini e delle cittadine attraverso l’attribuzione dei ruoli chiave e di responsabilità dell’Amministrazione e delle società partecipate in base al merito e alle capacità. Rilanciare la nostra città significa anche aprirci all’Europa e al mondo, attivando le migliori risorse che abbiamo attraverso la creazione di una struttura competente, specifica e al passo con le continue opportunità che i fondi pubblici - regionali, statali ed europei – offrono. I principi guida della nostra Amministrazione saranno quelli della trasparenza e della legalità, al fine di rafforzare e garantire la sicurezza sul territorio cittadino.

4

Verona è fatta di tante piccole e diverse realtà, ognuna delle quali merita un’attenzione particolare. Per questo, le Circoscrizioni devono recuperare il loro ruolo di aggregazione sociale, secondo una logica di prossimità e di decentramento. Solo così, siamo convinti, riusciremo a creare una comunità più attenta ai bisogni dei singoli e delle famiglie, all’inclusione e alla valorizzazione della diversità: la sicurezza di una città passa soprattutto attraverso comunità presenti ed attive, che non lasciano indietro nessuno. Inoltre, l’Amministrazione è chiamata ad instaurare un dialogo continuo e strutturato con il tessuto imprenditoriale della città, supportando e valorizzando le aziende e creando Rete! tra pubblico e privato.

5

Al centro di ogni progetto e azione programmata noi poniamo la persona con i suoi bisogni e i suoi talenti. Il mondo del terzo settore a Verona ha una lunga storia ed è animato da un forte spirito di solidarietà: il compito dell’Amministrazione comunale è quello di dare maggiore peso e voce alle tante realtà positive di questo settore valorizzandole e mettendole in Rete! attraverso la creazione di un Assessorato dedicato. L’obiettivo è intercettare le aspettative e rispondere concretamente alle esigenze dei cittadini e delle cittadine, con ascolto attivo e occhio attento, per garantire a tutti e tutte pari diritti ed opportunità.

Il nostro lavoro ha un obiettivo di ampio respiro: lo sviluppo di Verona. Uno sviluppo che partirà dal senso di comunità che anima la città e dalle cittadine e dai cittadini, che dovranno tornare protagonisti.

Dobbiamo permettere a tutte e tutti, soprattutto ai giovani, di sentirsi a casa in ogni spazio della città, creando un clima di vicinanza e integrazione senza ostacoli, un terreno fertile per far fiorire le tante realtà che compongono la nostra città.

Lavoriamo perché, alla fine di questo mandato, tutte le cittadine e i cittadini si sentano protagonisti e orgogliosi di essere veronesi.

La Rete!

Sempre connessi.

Sempre connessi. Il nostro progetto riunisce tutte le persone, i movimenti e i partiti che vogliono una Verona che sappia guardare al futuro, con la consapevolezza e la volontà di essere protagonista.

Un progetto civico trasversale, che si mette in gioco per liberare tutte le energie della nostra città, una connessione che si basa su alcuni princìpi di base: legalità, inclusione, cura, ascolto, condivisione, competenze, dialogo e solidarietà.

Se anche tu ti riconosci in questi valori, è il tuo momento: entra nella Rete!


Diventa volontario

Partecipa anche tu, entra nella squadra!

Solo lavorando insieme possiamo costruire una Verona diversa.
Entra nella nostra squadra e impegnati per il futuro della tua città. Saremo in tanti e faremo del nostro meglio!
E tu, sarai dei nostri?

Vuoi essere dei nostri?

Dona ora

Il tuo aiuto farà la differenza!

Puoi fare un bonifico per supportare l’elezione
a Sindaco di Damiano Tommasi

Causale:
Contributo elettorale Damiano Tommasi + il tuo nome

Intestatario:
Mion Alberto Mandatario Elettorale di Damiano Tommasi

IBAN:
IT73 R 05034 11702 000000001206

Resta aggiornato

Il tuo contributo vale!
Sostieni il progetto per far rinascere Verona.
Dai forza al cambiamento!

Contatti social